Gravidanza, secondo meseDa 4 settimane e 4 giorni a 8 settimane e 5 giorni

 

Durante il secondo mese di gravidanza il sospetto e l’incredulità lasciano posto alla certezza e alla gioia. Ebbene si siete in dolce attesa! Tocca proprio a voi, la cicogna è arrivata e con lei tutti i dubbi, le paure, ma anche la felicità che il lieto evento comporta.

Si inizia a prendere coscienza che occorrerà stravolgere quelle piccole routine che caratterizzavano le vostre giornate, che condividerete sempre il vostro tempo con un tenero angioletto e inizierete a fantasticare su tutine e vestitini. Se siete al primo figlio questa è la visione rosa e fiori del vostro stato!! Se, invece, aspettate un fratellino, saprete già cosa vi aspetta. Ma non diciamolo alle primipare; del resto se avete replicato è perché nonostante la stanchezza sia diventata vostra compagna di viaggio, tutto il percorso deve essere stato meravigliosamente bello!!

 

Diventerete oggetto di un amore incommensurabile

 

Eh sì. Perché diventare mamme è po’ come diventare dei supereroi: come dice Ligabue “in sala parto scoprirete la potenza delle cose”, diventerete oggetto di un amore incommensurabile, e proverete un sentimento che non ha eguali, scoprirete di avere risorse infinite mentre vi occuperete instancabilmente dei vostri piccoli esserini.

Tutto ciò dovrebbe darvi la carica per superare i piccoli disturbi del periodo: nausee, stanchezza, seno gonfio e dolorante e sbalzi d’umore. Disturbi possibili, ma non necessariamente presenti: io ad esempio non ho avuto nessun fastidio, eccetto, con la seconda gravidanza, dei dolori all’addome, simili a quelli che si sentono durante il normale ciclo mestruale. Dolori che, mi hanno spiegato, essere normali per una seconda gravidanza.

 

Primo step: scegliere un ginecologo

 

Durante il secondo mese, se non avete un ginecologo di fiducia, è bene cercarne uno, che vi possa seguire durante tutto il percorso della gravidanza. Benché, secondo me, scegliere un ginecologo che lavora nella struttura in cui andrete a partorire, sia sicuramente la scelta migliore (tenete conto però che per averli in sala parto dovranno essere di turno in quel momento, altrimenti molto difficilmente li vedrete arrivare), io ho continuato ad andare dal mio ginecologo, un po’ perché mi fido ciecamente  di lui, un po’ per affetto (noi lo chiamiamo il “nonno”), un po’ perché so di poterlo chiamare in qualsiasi momento.

Una volta individuato il ginecologo, vi consiglierà di utilizzare un integratore di acido folico fino alla 12esima settimana, per ridurre il rischio di difetti del tubo neurale e vi prescriverà gli esami del sangue da fare. Potrete poi vedere il vostro piccolo esserino nella prima ecografia. E’ sicuramente un momento molto emozionante, soprattutto quando vi farà sentire il ritmo del suo cuore. Lì capirete che sta andando tutto bene e che lui o lei ci sono davvero!!

E’ tuttavia un periodo ancora delicato, perché l’embrione è sensibile a infezioni o aggressioni esterne, che potrebbero comprometterne il normale sviluppo. Fate attenzione a ciò che mangiate (cibi crudi, verdura e frutta ben lavate), a ciò che bevete (niente alcool) e agli sforzi.

 

Gravidanza, Il secondo mese

Come cresce il bambino

 

Arrivati alla settima settimana di gestazione l’embrione prende il nome di feto, è lungo 2 cm e pesa 2 gr. Potremmo paragonarlo per dimensioni ad un mirtillo; ma, nonostante le sue piccole dimensioni, è quasi completamente formato, il cuore inizia ad avere delle pulsazioni ritmiche, gli arti si stanno formando, così come occhi, naso, orecchie, esofago, stomaco e genitali.

Insomma la perfezione della natura è contenuta in un piccolo fagiolino.

Mamma a bordo 2016