Ciao MareOgni anno, l’ultimo giorno al mare, mi piace stare con i piedi nell’acqua, guardare l’immensa distesa azzurra davanti a me e pensare a cosa accadrà durante il prossimo anno (da maestra ed eterna studentessa sono rimasta legata al calendario scolastico!!). Propositi, certezze, cose da fare e speranze mi passano davanti agli occhi in rapida successione. E’ un po’ come se il mare mi desse la carica per affrontare tutto e mi pregustassi, con un po’ di adrenalina, quello che sarà.

Quel giorno è arrivato anche quest’anno. Certo mi spiace lasciare questo posto meraviglioso (Coda Capo Cavallo, Olbia, ndr), dove ci siamo divertiti, siamo stati con i nostri amici, abbiamo passeggiato in riva al mare, raccolto conchiglie e soprattutto visto per la prima volta Filippo entrare in acqua. Ormai avevamo gettato la spugna, dopo due anni in cui non ci si poteva nemmeno bagnare i piedi! E invece eccoci qui a giocare nell’acqua, fare i tuffi e andare sul canottino: potenza del mar di Sardegna!!!

Mi spiace soprattutto non poter stare tutti insieme per tutta la giornata: purtroppo papà tornerà al lavoro e ce lo potremo godere solo la sera e nel week-end. Abbiamo però immagazzinato tanti bei ricordi e tanta voglia di fare per l’anno che verrà.

Quindi ciao mare, ci rivedremo il prossimo anno. Noi andiamo a casa a preparaci per l’arrivo del fratellino. Dobbiamo preparare il corredino, sistemare la cameretta e tutto quello che serve per il nostro nido. Questa volta sono un po’ in ritardo e nascendo in una stagione completamente diversa rispetto a quando è nato Filippo, dovrò acquistare tutto. La cosa devo dire non mi dispiace affatto!!
Siamo tutti emozionati, curiosi di vedere come sarà la vita a quattro e di vedere come sarà il nuovo baby.

Io in particolare dovrò affrontare gli ultimi mesi e poi il parto. Aiutooooo!!! Crediamo a quelle mamme che dicono che con il secondo è più veloce!!
Devo però ammettere che più che il parto mi preoccupa il fatto di dovermi allontanare qualche giorno da casa (quando sarò in ospedale). Mi preoccupa che Filippo possa soffrire per la mia lontananza e che possa essere geloso del fratellino. Credo però che queste siano le preoccupazioni di tutte le mamme bis e che la situazione si risolverà prestando molte attenzioni al primogenito.

Oltre a questo, a casa ci aspetta la nostra vita, con i nostri interessi, i nostri amici e parenti e le mille sorprese che ogni giorno la vita ci riserva.
Chissà quante cose imparerà Filippo; sceglieremo l’asilo insieme; andremo insieme a musica, a nuotare, allo spazio gioco e molto altro.
Insomma staremo insieme e questo per me è tutto.

Cosa mi auguro, infine, per me? Sicuramente dal punto di vista sentimentale non cambierei una virgola.
Il mio desiderio è invece quello di riuscire a dedicarmi al blog, parlando di noi, della mia esperienza, dei miei interessi, così da fare compagnia e dare qualche consiglio a chi vorrà seguirmi.
Mi piace scrivere, fotografare, scoprire nuove tendenze e seguire la moda per noi mamme e per i nostri cuccioli oltre alle tendenze per la casa. Mi piacerebbe parlarvi dei nostri viaggi e di come ci organizzeremo con i piccoli di casa che raddoppieranno.

Insomma, caro mare, ti dobbiamo proprio salutare, abbiamo tante cose da fare. Grazie ancora di tutto.

Mamma a bordo 2016